Il Direttore Federico Brunelli all’evento “Farewell Mario Draghi” a Francoforte

28/10/2019 Come direttore dell’Istituto Altiero Spinelli, ho avuto l’onore di partecipare all’evento “Addio Mario Draghi” a Francoforte.

Ho anche avuto l’opportunità di ringraziare Draghi a nome dei federalisti europei.

Quest’uomo è un rivoluzionario. Non solo ha difeso l’euro “whatever it takes” e adattato le politiche della Banca centrale europea alla nuova situazione (non c’è più il rischio di inflazione ma al contrario c’è il rischio di deflazione), ma sostiene instancabilmente l’istituzione di una “capacità fiscale dell’area dell’euro di dimensioni e progettazione adeguate”.

Oggi Draghi, parlando dell’Europa, ha menzionato due volte la parola federale (così difficile da usare per così tanti politici):

1) Oggi la BCE è “una moderna banca centrale in grado di utilizzare tutti i suoi strumenti in modo adeguato alle sfide che deve affrontare e un’istituzione veramente FEDERALE che agisce nell’interesse dell’intera area dell’euro”

2) “È evidente che ora è il momento di più Europa, non di meno. Intendo questo non in modo assiomatico, ma nella tradizione più vera del FEDERALISMO. Dove i risultati possono essere meglio forniti dalle politiche nazionali, lasciamo che rimangano tali. Ma laddove possiamo lavorare solo insieme sulle preoccupazioni legittime dei cittadini , abbiamo bisogno che l’Europa sia più forte “.

Macron ha menzionato Altiero Spinelli e Jean Monnet, Mattarella ha fatto un discorso coraggioso chiedendo un’Europa sovrana.

I politici più consapevoli comprendono che l’UE così com’è oggi non è abbastanza. Spero che Draghi abbia altre possibilità per promuovere l’unità europea e, possibilmente, di combattere in prima linea per il cambiamento estremamente necessario dei trattati europei.

Lasciando l’edificio della BCE (“vera istituzione FEDERALE”!), Mi sono venute in mente alcune parole del mio adorato Jean Monnet (1952 – sessione di apertura dell’assemblea della Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio):

“I tragici eventi che abbiamo vissuto e quelli che stiamo vivendo ora potrebbero averci resi più saggi. Ma moriremo, altri verranno a rimpiazzarci; non saremo in grado di lasciare loro la nostra esperienza personale perché questa esperienza scomparirà con noi Ciò che possiamo lasciare a loro sono le istituzioni: la vita delle istituzioni è più lunga di quella degli uomini, e quindi le istituzioni possono, se create, nel modo giusto, accumulare e trasmettere la saggezza delle generazioni successive.

In questi giorni in cui vengono istituite le prime istituzioni sovranazionali in Europa, siamo consapevoli dell’inizio della grande rivoluzione europea del nostro tempo: la rivoluzione che, nel nostro Continente, mira a sostituire l’unità nella libertà e nella diversità al posto delle tragiche rivalità nazionali, la rivoluzione che tende a fermare il decadimento della nostra civiltà e a avviare un nuovo rinascimento.

Le nostre istituzioni sovranazionali comuni lo sono ancora deboli e fragili; è nostro dovere svilupparle, renderle forti e proteggerle dalla nostra tendenza a raggiungere compromessi a breve termine. Poiché, dal momento che sono nati, l’Europa che desideriamo lasciare ai nostri figli non è più solo un’aspirazione. È diventata una realtà “.

Quindi completiamo la politica monetaria federale con un Governo federale con un bilancio federale e una politica estera e di difesa federali!